domenica 28 ottobre 2012

How Do You DIY? // Megaphone vs. Giant Split

Rieccoci con l'appuntamento settimanale dedicato al Do It Yourself, ci occupiamo questa volta della laboriosa etichetta Megaphone Records e ci facciamo raccontare da Fabio (che conosciamo già per il suo lavoro come Arnoux) cosa si produce alla Megaphone e perché si sbattono così tanto. Tra le altre cose oggi scopriamo come è stata prodotta la cassettina split tra Jackeyed e The Sleeping Tree mentre domattina troverete ad aspettarvi il post con il disco da scaricare. Bando alle ciance.

Ciao Fabio, partiamo da una domanda più generica per calarci nel contesto. Crearsi da soli un supporto personalizzato è una fatica immensa, soprattutto in termini di tempo. Da cosa nasce l'esigenza del "farselo da soli"? Ne vale la pena? O meglio, visto che molti pur facendosi tutto da soli approdano a soluzioni ben più semplici, trovi ci sia una correlazione tra quanto vi ci sbattete e l'apprezzamento del prodotto finito da parte dei fan?
Ciao Davide e ciao tutti, con Megaphone produciamo questo tipo di oggetti per dare alla musica un degno supporto fisico, curato con amore e passione, il download digitale, soprattutto quello gratuito, e il bombardamento via web sta spostando il modo di condividere la musica, certo, ormai da anni; escono 500 dischi al giorno in free download che si perdono in una galassia di share, retweet, post, link, like, foto super cool da cover di Vogue su Facebook, un vortice di gruppi e canzoni che arrivano come mitragliate di uzi.


Rimpiangiamo un po' con nostalgia quando le cassette passavano di mano in mano, si mettevano nel deck e ci si prendeva il tempo per ascoltare, a volte su un impianto dignitoso, con delle casse che non siano ridicole come quelle di un dannato 13", il tutto è diventato fottutamente veloce ma la musica ha bisogno di essere assorbita lentamente, imparata, non basta un click e un ascolto su quelle stupide casse, bisogna apprezzare le frequenze che quelle casse non supportano, ascoltare la musica su un impianto stereo minimamente decente. Abbiamo iniziato a produrre cassette e CD (e presto anche vinili) per imparare nuovamente questo, la lentezza, la qualità di un ascolto in alta qualità, facciamo da soli perchè vogliamo che sia un supporto unico per un album/split/sampler unico, non siamo contrari al download sia chiaro, i nostri dischi li trovi su Bandcamp, può darti un'idea di cosa facciamo si, ma a noi non basta, vi consigliamo di provare la differenza tra spararvi un disco in download sulle casse del computer o ricevere una nostra cassetta ad esempio, da scartare, esplorare, scoprire, e soprattutto ascoltare su uno stereo, la tua cazzo di copia unica che ci abbiamo messo tipo un'ora a fare per te.


Nel caso specifico dello split tra Jackeyed e The Sleeping Tree si parte dalla cassettina vergine e si arriva a quel prezioso oggettino fisico. Che attrezzature bisogna avere per coprire da soli l'intera filiera produttiva dalla registrazione alla produzione del packaging finale?
Tolta la fase di registrazione degli artisti che ovviamente è un processo a se, noi riceviamo i file "masterizzati" delle tracce, dal computer (via scheda audio) li registriamo su cassetta utilizzando un Nakamichi ZX-9, un aggeggio che arriva direttamente dagli '80 dove le cassette vengono duplicate con una qualità micidiale, a parte il classico e leggero fruscio di fondo tipico del nastro è pressochè identica al "master" originale, le cassette sono doppiate una ad una. Per quanto riguarda la parte grafica, abbiamo adottato una tipologia di packaging che ci porteremo avanti per un tot, abbiamo realizzato una fustella e cioè uno "stampo" che contemporaneamente trancia e "segna" delle pieghe nella carta per facilitarne la piegatura. Una volta stampate le grafiche del caso sul foglio, tramite l'utilizzo di una pressa che monta sul fondo la fustella, generiamo quello che poi sarà la scatola della cassetta, il packaging dello split è realizzato con una bellissima carta sperimentale fatta di alghe della laguna veneziana, abbiamo in fase di studio un meccanismo per produrre carta riciclata 100% da Megaphone. 



Lo split in musicassetta di Jackeyed e The Sleeping Tree non è nemmeno l'esempio più macchinoso della laboriosità della Megaphone. La compilation natalizia dello scorso anno aveva un ben più complesso packaging. Ce lo racconti? è stata una mossa tattica per evitare di fare il regalo di natale a parenti e amici? Quante ne avete fatte e quanto avete impiegato a confezionarle tutte?
La compilation di Natale è stata un lavoro micidiale frutto di una laboriosa catena di montaggio, il packaging del CD è in legno serigrafato e stoffa, nel video si vedono gran parte delle fasi di lavorazione e l'assemblaggio è stato realizzato completamente a mano tra un caffè e l'altro, il monte ore è pressochè incalcolabile, diciamo parecchi, parecchi ettolitri di caffè e benza. Le 60 copie limitate sono state esaurite la sera della presentazione. Purtroppo il formato fisico della compilation di Natale di Megaphone esce sempre leggermenrte dopo il 25 ma è un regalo originale, ed è l'ideale per passare le festività ascoltando ottima musica! Per l'edizione di quest'anno abbiamo in mano una gran bella cosa, non vediamo l'ora di proporvela! 



Nessun commento: