lunedì 17 giugno 2013

Brioscine appena sfornate: KennyMuoreSempre

Ecco che ci risiamo per un nuovo appuntamento con le brioscine appena sfornate del Lunedì: sempre un ottimo modo per dare inizio alla settimana!
Stavolta è il turno dei KennyMuoreSempre, freschissimo trio con sonorità che spaziano dal punk noise al pop. Questi giovini hanno accettato di rispondere a qualche nostra domanda: un'intervista piacevole e scherzosa è il risultato della chiaccherata. Io non vi anticipo altro. Leggete!


"Paolo, Niccolò e Francesco sono i componenti dei KennyMuoreSempre, gruppo AlternativePunkGrungeNoiseRockPop tanto giovane quanto capace e grintoso di Prato...". Ecco, continuate pure questa vostra presentazione in terza persona, ché qui siamo impazienti di conoscervi meglio!
"...che non voleva al contadino far sapere quanto è buono il cacio con le pere e voleva suonare il punk. Si sono conosciuti al liceo e dopo pomeriggi a base di pane con l'olio ed erezioni tristi hanno deciso di esternare le loro frustrazioni attraverso l'Arte dei Suoni. Da quando hanno conosciuto Enrico Corsi e Lorenzo Maffucci, ai quali vogliono tanto ma tanto bene, hanno una sala prove e un Ep ganzo un monte registrato dal secondo e disegnato dal primo."

Il Kenny del vostro nome è Kenneth McCormick, personaggio del cartone South Park, che, per l'appunto, "muore sempre", in quanto viene ucciso in tutte le puntate, per poi riapparire nell'episodio successivo come se non fosse successo niente. Chi ha avuto questa idea? Perché? Toglieteci qualche curiosità a riguardo.
Un pomeriggio, annoiati dalla routine quotidiana, i ragazzi disquisirono sulla possibilità di dar fuoco alle scorregge. Francesco, dopo una conta astutamente pilotata da Niccolò e Paolo, fu designato come vittima e prese fuoco con tutto il pelo. Divertiti dalle vicende pomeridiane e sfamati dall'unta merenda accesero la televisione e videro Kenny morire durante una puntata di South Park. Preso atto del ciclico decesso del personaggio ne trassero il nome del gruppo.

Avete presente il paradosso dell'uovo e della gallina? Bene, applichiamolo alle vostre canzoni. Nascono prima i testi o la musica? In che modo viene amalgamato il tutto? Qual è l'elemento basilare che vi ispira nella composizione di un pezzo?
Solitamente testi e musica vengono fuori insieme, ispirati da eventi particolarmente significativi della vita dei Kenny come sfortune quotidiane, urti inaspettati, morte, sindaci con le pezze al culo, fighe di legno, neve e le pere del contadino (con il cacio).


Carla, Roberto, Chicco, Rossella sono i titoli di alcuni vostri brani: si tratta di persone che esistono oppure fanno parte della vostra immaginazione?
Fanno parte della nostra famiglia immaginaria e rispecchiano la nostra voglia di scherzare su tutto e fare ironia per sdrammatizzare anche le situazioni più spiacevoli.

Pro e/o contro dell'essere sotto un'etichetta discografica a parer vostro.
Si pensa sia utile avere sia un'etichetta e soprattutto un booking che per ora non abbiamo, ma che ci auguriamo presto di trovare, essendo difficile procurarsi date con le proprie forze.

KennyMuoreSempre è il titolo del vostro album di debutto (che ci piace davvero tanto e che consigliamo di ascoltare a chi ancora non l'ha fatto) uscito nel Febbraio di quest'anno. È previsto un seguito, vero? I pezzi nuovi che eseguite ultimamente durante i live mi fanno pensare, e sperare, ciò!
Abbiamo in mente un album per un futuro prossimo dove magari aggiungere la parte più aggressiva dei Kenny, assente in questo nostro primo Ep, e nuove componenti della famiglia fra cui Bianca e Luana, ma ancora la cosa è vaga.


Tutti abbiamo almeno un sogno nel cassetto. Qual è il vostro a livello di gruppo?
Arrivare un giorno a stringere la mano a Pippo Baudo e magari condividere una cagata con Iva Zanicchi sul palco dell'Ariston. Scherzi a parte, non ci dispiacerebbe inaugurare la nostra stagione al Controsenso come tutti gli anni, registrare un album, suonare di più a giro e trovare un booking.

Riuscite a immaginare i Kenny tra un po' di anni?
"Per me è la cipolla" (cit. Pedro)

Cosa state ascoltando in questo periodo?
Siamo venuti a conoscenza (purtroppo troppo tardi) degli Asino che ci stiamo ascoltando a manetta (son davvero ganzi); oltre alle novità ci sono: Muddy Waters, Django Reinhardt Bach per quanto riguarda chi sa suonare, mentre lo zattone (Paolo) non ascolta niente in particolare a parte suoni viscerali da lui stesso prodotti e le Las Ketchup.


Quando avremo la possibilità di rivedervi live?
Il 12 Luglio al Controsenso e, sicuramente, il 16 Agosto in Piazza Mercatale a Prato in compagnia dei nostri affezionati Fantastic Bra.

RecensioneFBBandcamp

Nessun commento: