lunedì 11 febbraio 2013

Brioscine appena sfornate: Perry Frank

Perry Frank - al secolo Francesco Nicola Perra - è un musicista influenzato tanto da Brian Eno quanto dalla psichedelia di matrice sixties che si è accasato qualche mese fa sull'etichetta teutonica Idealmusik. Quattro chiacchiere con Perry ci hanno fatto conoscere meglio le sue influenze e i suoi progetti futuri. Buona lettura.


Raccontaci il tuo approccio con la musica. Cosa ascoltavi da ragazzo e come i tuoi gusti si sono evoluti nel corso degli anni.
Ho scoperto la mia passione per la musica negli anni in cui frequentavo le scuole medie. In quel periodo infatti ho cominciato a suonare la tastiera senza prendere lezioni, in modo molto amatoriale. Al liceo ho cominciato a suonare la chitarra e il basso e mi sono esercitato in modo discreto anche sulle percussioni. Ma fin da bambino ho sempre ascoltato musica, prima con i Beatles, i Beach Boys, i Pink Floyd, poi con gli U2 e poi con tutte le band della mia generazione, Nirvana, Smashing Pumpkins, Jeff Buckley, Radiohead fino ad arrivare alla musica che meglio descrive la mia anima: la musica Ambient.

Come e soprattutto quando nasce il tuo alter ego Perry Frank?
Il mio progetto di musica ambient nasce nel 2005. Dopo aver suonato in diverse band della mia zona e dopo aver suonato diversi generi musicali (Rock, Grunge, Blues, Indie, Pop) decisi di dedicarmi alla mia musica senza più compromessi con altre persone. Suonare in un gruppo in fondo porta a dei compromessi che non sempre dal punto di vista artistico rappresentano la soluzione migliore. Troppo spesso ho messo da parte la mia musica per suonare quella di altre persone e sentivo la necessità di trovare una mia strada e suonare una musica che potesse essere mia completamente. Così è nato Perry Frank, il mio alter ego psichedelico. Ho deciso di fare a meno dei testi e di ridurli al minimo essenziale, preferendo la via strumentale, a mio avviso più universale e capace di dipingere i paesaggi della mia mente. In questi anni ho pubblicato tre album, più diversi inediti tra cui Cantu a merì, la canzone con cui ho partecipato alla finale del Premio Parodi 2012 e una ventina di video su Youtube.

Il tuo ultimo lavoro, Music To Disappear è stato rilasciato ad agosto dalla tedesca Idealmusik. Un titolo che in qualche modo riporta alla memoria il ciclo di lavori di Brian Eno. Quanto è stata importante la sua musica sulle tue composizioni?
La sua musica è stata fondamentale per me. Un suo album in particolare per me è stato il punto di partenza, la scintilla che ha acceso in me l'amore per questa musica: Music for Airports. In realtà mi sono avvicinato a lui grazie agli U2, che adoravo quando ero ragazzino, e agli album che lui aveva prodotto. Poi ne ho esplorato tutta la carriera fino ad arrivare ai Roxy Music. Inutile dire che rimane per me una costante fonte di ispirazione. Another Green World, Music for Airports, Evening Star (con uno dei miei chitarristi preferiti Robert Fripp) tra i titoli che ho nella mia collezione personale.


Come sei arrivato ad accasarti su Idealmusik?
Ci siamo trovati su Facebook. Esistono, infatti diversi gruppi dedicati alla musica Ambient, in cui apassionati, musicisti sconosciuti come me, semplici estimatori e più semplicemente persone che hanno voglia di sognare e rilassarsi, condividono video e link sul genere. Settimanalmente condivido i miei pezzi tramite link di Soundcloud e i video che io stesso ho girato e caricato su Youtube. Ho avuto così diverse proposte da etichette del genere, tra cui quella di Idealmusik. Loro curano la distribuzione del disco e la pubblicità, compresi i passaggi nelle varie web radio. 

La tua musica è disponibile, molto spesso in free streaming e download sui social network, ottimi canali di diffusione ma purtroppo carenti dal punto di vista strettamente qualitativo. Una saturazione da lo-fi tecnico che ha portato ad una fame di Hi-fi sottolineata dal ritorno, graditissimo, del vinile. Cosa pensi di questo ritorno all’alta fedeltà?
Adoro sia il vinile che il supporto cd, ne ho circa un migliaio a casa tra cd, vinili e cassette. È vero, purtroppo l'avvento del web ha quasi ucciso la distribuzione classica, che fino ai primi anni 2000 resisteva. È forse l'aspetto più negativo. Ma dall'altra parte senza il web, senza la rete, non sarei qui a rispondere alle tue domande, perchè probabilmente i demo che avrei spedito alle case discografiche sarebbero stati cestinati, come 90 volte su 100 avviene. La rete è uno strumento libero, le persone condividono la musica in modo libero. Questo aspetto è in parte giusto, perchè così riescono a circolare anche artisti che non riescono a trovare spazio sui canali tradizionali come la tv, ma è in parte sbagliato perchè purtroppo molte etichette, non avendo i guadagni del passato, non puntano più sulle novità, non osano, andando sempre a pescare sull'ovvio, sul banale, sul già sentito, solo per avere guadagni sicuri o riuscire a far fronte alle perdite. Personalmente spero un giorno di riuscire a distribuire pure la mia musica sul vinile. Prima o poi…


Riesci a vivere di musica?
Purtroppo ancora no. I guadagni dai live e dalle vendite non me lo permettono ancora. Ma spero un giorno di riuscirci. Sto lavorando sodo per raggiungere questo obiettivo.

Cosa pensi della scena italiana?
Credo che in Italia ci sia tanta bella musica e sicuramente i musicisti validi non mancano. Purtroppo, come avviene in tutti gli altri campi, non basta essere preparati e avere le idee. In Italia conta avere le conoscenze, che spesso e volentieri sono conoscenze politiche. In Italia ormai tutto passa dai talent show spazzatura... In questi anni ho conosciuto diversi musicisti che suonano ambient, o generi affini, tutte persone validissime che, come me cercano uno spazio e cercano di vivere di musica. L'alternativa sembra sempre di più quella di andare via da questo paese. La solita Italia. Purtroppo la Sardegna è ancora più chiusa per questo genere, che spesso risulta sconosciuto e poco apprezzato, spesso deriso e definito noioso, relegato alla definizione infelice di “musica per rilassarsi”.

E per finire i cinque dischi che ti hanno cambiato la vita:
Brian Eno - Music for Airports
Pink Floyd - A saucerful of Secrets
The Beatles - Sgt. Pepper's Lonely Heart Club Band
The Beach Boys - Pet Sounds
The Smashing Pumpkins - Mellon Collie and the Infinite Sadness

FB SoundcloudBandcamp ◄

Nessun commento: