lunedì 4 febbraio 2013

Ants Army Project - Wooden Days - 2011 [Streaming]

Trascorro gran parte del tempo a passare in rassegna album musicali. Una confessione privata tra me e un paio di cuffie. La riconciliazione con il mondo esterno si palesa solo nel momento in cui, tra tutte, una tracklist cattura più di altre la mia attenzione. Una sorta di amore a primo ascolto, che solitamente poi si fortifica con il passare del tempo. È esattamente quello che è accaduto con Wooden Days, album d’esordio degli Ants Army Project, quintetto di Rivergaro, uscito quasi due anni fa per l’etichetta emiliana Tea Kettle Records. Una passione sconfinata per la tradizione musicale americana coadiuvata dall’amore per la propria terra d’origine, fa di quest’album un autentico serbatoio di panorami melodici di limpida eleganza. Lunghi intrecci chitarristici rivestono ogni brano, supportati da una vocalità personalissima che funge da conduttore armonico. L’atmosfera  intima e familiare è sottoposta ad un’attraente tensione, condita di cedimenti nostalgici e guizzi onirici, vividi al punto da sembrare reali. I testi affrontano temi classici come l’amore, la morte, sogni disillusi, rivestiti di sensazioni quanto mai attuali. Fin dall’iniziale crescendo della prima traccia, i ragazzi dimostrano sicurezza tecnica e una chiarezza di idee che lascia il segno. Le trame chitarristiche e i bisbigli della tastiera dispensano un insieme di suoni di disarmante naturalezza. Tutto è impregnato di vibrazioni avvolgenti che alternano momenti di stasi a vigorosi passaggi di ritmo e adrenalina. La musica sprizza con meravigliosa spontaneità regalandoci dieci brani di assoluto godimento per cuore e mente. La brillante conferma di un esordio promettente, di cui ora non possiamo fare altro che aspettare il seguito.


Ants Army Project
Wooden Days
2012
Tea Kettle Records

Tracklist:
1. Fake
2. Gin & Tonic Love
3. Today
4. Black Waves
5. From Mario To Marion
6. Master Of The World
7. Roots
8. Roots [reprise]
9. Winter, Car Crash
10. In Loving Memory


FBTW
SoundcloudBandcamp

Nessun commento: