sabato 30 giugno 2012

Il meglio di Giugno

Siamo giunti a fine Giugno e mentre Caronte ci traghetta verso l'infernale inizio di questa afosa estate potete chiudere le tapparelle, piazzarvi di fronte al ventilatore e ascoltare il meglio della musica che è passata sul nostro blog in questo ultimo mese. Un passatempo come un'altro, in fondo, mentre stai lì seduto immobile per non surriscaldarti. E sai solo sudare.


L’ultima volta che ho fatto ascoltare l’album dei Portfolio ad un gruppetto di amici che ascoltano solo musica straniera e snobbano apertamente il sottobosco italiano mi han chiesto per quale etichetta statunitense fosse uscito quest’album. Sono rimasti “F4 basiti” (Boris docet) quando con molta supponenza gli ho risposto che sono alcuni ragazzotti emiliani e che anche se la musica non conosce i confini, non bisogna avere la carta verde per ascoltare anche dal vivo gruppi da brivido. E questa Beth Gibbons, il cui nome mi riporta al grande concerto mancato della mia vita (che ho ancora sul groppone) è la traccia che più si avvicina alla mia estasi. La recensione la trovate qui mentre questa ed altre quattro sono scaricabili gratuitamente dal bandcamp. Enjoy!


Cinque giovani scalmanati alle prese con un emocore accaldato che s’irradia come elettricità con la sua emozionale e attrattiva vena melodica. La sinergia agrodolce tra la sezione ritmica infuocata e le melodie vocali urlate a più voci, va dritta al cuore per rivelare la bellezza della quotidianità delle cose. I testi sono distorti, carichi di quella rabbia e malinconia in cui ci si rispecchia e ci si perde. Questi sono i Lantern e Noicomete è un ep al quale vi affezionerete sin da subito. Qui la nostra recensione e qui il loro bandcamp! Cassettina in produzione per TwoTwoCats.


Mai senza guanti è il pezzo che introduce il primo album di Billy Torello, un invito al sesso sicuro, accompagnato da una chitarra slide. Tra tanti che urlano per farsi sentire a volte preferisco la morbidezza di chi sa imporsi con l'autorevolezza delle note o solo attraverso una dolce malinconia, che però non butta mai nello sconforto. Trovate la nostra recensione qui, mentre a questo link potete scaricare l’album.


In auto è una canzone da strilla-strimpellare in canotta, bermuda stropicciati, infradito consunti e unti di grasso di marmitta, preferibilmente col Mediterraneo sullo sfondo. È ancora possibile scrivere un pezzo al sapore di salsedine senza risultare scontati e già sentiti? I Bosio dimostrano che sì, si può fare: magari indossando le squame di un pesce volante che lotta per la vita fra i cavalloni, o cercando rifugio dalla folle folla vacanziera nella solitudine di un'auto ''parcheggiata in ultima fila sul traghetto strapieno''. Ci affacciamo all'estate in compagnia dei Bosio e del loro album di debutto L'abbrivio, di cui abbiamo parlato qui.



I milanesi Albedo con il loro nuovo disco A Casa raccontano la follia delle nostre routine in testi freschi che vi rimarranno adesi alla pareti del cervello, non potevo non inserirli in questo riassuntone perchè in questo periodo li ascolto a ripetizione fino allo svenimento. Questo disco come il precedente (Il Male, 2010) li trovate in free download qui e qui. La nostra recensione invece la potete leggere qui.

Nessun commento: